lunedì 2 settembre 2013

Un libro...un film...- Il lato positivo



E dopo la lunga (mai abbastanza però!) pausa estiva io e Laura (Clicca qui per la sua recensione) torniamo col nostro appuntamento mensile della serie dal libro al film. Questa volta analizziamo “Il lato positivo”, romanzo di Matthew Quick che l’anno scorso è stato tramutato in pellicola grazie a David O.Russel.


 Avendo particolarmente apprezzato la versione cartacea, ho inizialmente approcciato il film col solito cipiglio diffidente, per poi dovermi ricredere. Devo ammettere infatti che la trasposizione cinematografica è buona quasi quanto il libro. Il “quasi” è dovuto al fatto che, come al solito, la trama è stata completamente stravolta e addirittura è stato cambiato il cognome del personaggio principale, chissà poi per quale motivo! Così Pat Peoples diventa Pat Solitano (Bradley Cooper), un uomo affetto da disturbo bipolare che ha trascorso gli ultimi otto mesi in un istituto psichiatrico per aver tentato di uccidere l’amante della moglie Nikki dopo averli scoperti insieme. Una volta dimesso, Pat tenta di ricostruire la sua vita, torna a vivere con i suoi e conosce Tiffany (Jennifer Lawrence), anche lei psicologicamente provata dopo la perdita del marito. La ragazza si offre di aiutare Pat a riconquistare Nikki, ma lui in cambio dovrà farle da partner in una gara di ballo. I due riusciranno a vincere e a scoprirsi infine fatti l’uno per l’altra, non senza l’aiuto della famiglia di lui e in particolar modo del padre Pat senior (Robert De Niro).






 Tra episodi modificati, cognomi storpiati e fatti tagliati il film riesce comunque e inaspettatamente a rendere la stessa atmosfera generale del libro, perennemente in bilico fra poesia e follia. Il merito va sicuramente agli attori che hanno saputo fare della caratterizzazione dei personaggi l’elemento portante del film, come del resto era nel romanzo. Bradley Cooper con questa prova riesce finalmente ad affrancarsi dal suo solito personaggio da commedia in stile “Una notte da leoni” e conferisce alla figura di Pat una perfetta aria svampita ma determinata. Anche Jennifer Lawrence si dimostra assolutamente in linea con il personaggio, in quella che è una performance di buon livello, anche se forse non proprio da Oscar. E poi c’è il sempre notevole Robert De Niro, il quale riesce ad imporsi anche quando recita in ruoli secondari. 






“Il lato positivo” è una storia d’amore raccontata in modo anticonvenzionale, profonda nelle tematiche affrontate, ma dai toni leggeri tipicamente da commedia. Decisamente meritevole di un’occhiata!







10 commenti:

  1. Oltre ad aver letto il libro ho guardato anche il film, che forse ho apprezzato più del romanzo, cosa strana per me! Non so, ha un ritmo più accattivante. Tuttavia non ho capito il perchè di alcune scelte, come il padre di Pat, che nel libro è molto più orso e per me meglio inserito nella storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me ci sono solo rarissimi casi in cui il film è più bello del libro...ci devo fare un post, mi hai dato un'idea! ;)

      Elimina
  2. Gran bel film, scritto e recitato alla grande. Strepitosa la Lawrence!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che per una volta siamo tutti d'accordo! :)

      Elimina
  3. il libro non l'ho (ancora) letto, ma il film è insuperabile!

    RispondiElimina
  4. Ehi, bentornata! Mi mancavano le tue recensioni!
    Non ho letto il libro, ma ho visto il film, e devo dire che l'ho trovato un po' mediocre, forse perchè le mie aspettative erano fin troppo alte! Commedia godibile, e sono d'accordo con te, brava la Lawrence, ma non da Oscar.
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieeee!!! Ci ho messo un po', ma finalmente eccomi qui! Eh si, la Lawrence ha fatto un buon lavoro, ma addirittura l'Oscar? O_o

      Elimina
  5. Gran film e bravi attori. Non mi sarei mai aspettata che Bradley Cooper sapesse recitare!!!!

    RispondiElimina